x
Recensito (luglio 2017)

Classe 1990, padovana di nascita, sei un’attrice, autrice, atleta, musicista e insegnante. Come è nata la tua passione per il teatro?

G: Ricordo nitidamente il mio primo vero incontro con il teatro. Avevo 7 anni e dopo cena…

 

Per leggere l’intera intervista clicca qui!

Leave a reply
    x
    Unfolding Roma (giugno 2017)

    “Un suggerimento per coloro che vorrebbero intraprendere questo percorso?

    G: State scegliendo il lavoro più bello del mondo. Qualsiasi cosa accada, non dimenticate mai questa premessa. I suggerimenti che posso darvi, secondo la mia esperienza, sono questi: mettetevi in gioco senza riserve sennò prima o poi la mancanza di libertà vi renderà finti”

     

    Se vuoi leggere l’intervista completa clicca qui!

    Leave a reply
      x
      Different Magazine (giugno 2017)

      Hai avuto modo di lavorare con Dario Fo e con Franca Rame. Che persone erano e cosa porti con te della loro conoscenza?

       “Lavorare con Franca Rame è stato un acceleratore di consapevolezza e meraviglia. Per spiegarvi un po’ meglio che persona fosse, vi riporto un aneddoto che amo condividere. Un giorno..”

      Per leggere l’intera intervista clicca qui!

      Leave a reply
        x
        Cultursocialart (giugno 2017)

        Giorgia Mazzucato è l’artista italiana che rappresenterà l’Italia negli USA e in Messico al Fringe. L’attrice padovana ha accettato, direttamente da Hollywood, di rispondere ad alcune domande sul suo viaggio e sul suo lavoro, ma soprattutto sulla sua esperienza internazionale che la vede protagonista con il teatro italiano.

        Salve, è ad Hollywood, e proseguirà per San Diego, Tijuana, dove rappresenterà l’Italia, come si sente?

        G: Mi sento incredibilmente fortunata. Sono stata chiamata da un altro continente per portare il mio lavoro, il lavoro che amo. E’ un privilegio enorme.”

         

        Per leggere l’intera intervista clicca qui!

        Leave a reply
          x
          Rosso Sipario (febbraio 2016)

          ” Ipotetica partita di calcio, capitolo quattro, uno: chi vorresti in squadra?”

          G: “Formazione storica ideale, modulo 3-4-3. Buffon tra i pali, in difesa Nesta, Cannavaro, Roberto Carlos, Zidane, Marchisio, Beckham, Vidal, Del Piero, Van Basten e ovviamente Mazzucato.”

           

          Se vuoi leggere l’intera intervista clicca qui!

          Leave a reply
            x
            Persinsala (maggio 2016)

            Al Piccolo Teatro Don Bosco di Padova sarebbe dovuto andare in scena il suo Gesù aveva la erre moscia. Invece?
            GGM: «Invece a pochi giorni dal debutto il prete, legale rappresentante del Teatro, ha deciso di censurare il mio spettacolo, senza voler nemmeno leggere il testo».”

             

            Per leggere l’intera intervista clicca qui!

            Leave a reply
              x
              “Guerriere” – Intervista per “Periodico Italiano Megazine” (luglio 2015)

              “Giorgia Mazzucato, il testo di ‘Guerriere’, da lei portato in scena al Roma Fringe Festival 2015, finalmente fa giustizia sul ruolo fondamentale svolto dalle donne italiane durante la prima guerra mondiale: perché ci sono voluti 100 anni per scoprire – o riscoprire – una cosa del genere?”

              “Credo che la storia non sia un libro da leggere, ma un racconto da ascoltare e su cui far domande.Per raccontare e per ricercare credo ci voglia molto tempo e molta voglia, per rimettersi in discussione e ri-conoscere. Quello che impariamo a scuola è, per diversi motivi più o meno comprensibili, un frammento di quello che si decide di portate alla luce. Per una pagina di storia investigata ce ne sono dieci di nascoste e sconosciute.  L’occasione di una ricorrenza così forte e importante, come il centenario di una guerra mondiale, mette in moto una serie di ingranaggi intellettuali tra cui la curiosità.In occasione di questa celebrazione, nel mio piccolo, ho fatto la cosa che reputo essere la più proficua nei confronti di un fatto compiuto: il farsi, appunto, delle domande su di esso. Mi sono interrogata sulla Grande Guerra in quanto donna, in quanto cittadina italiana e in quanto artista. Altre persone in questi 100 anni hanno compiuto ricerche sulle donne nel 15-18, ma forse quella che è sempre mancata è stata l’organicità nel rendere fruibile il prodotto di tale ricerche. Proprio per vincere su questo ostacolo ho deciso di usare il mezzo a me poi congeniale: il teatro. Credo che per le persone sia bello ascoltare e condividere racconti, e questo è quello che per me significa “fare” Teatro.”

              Per leggere l’intervista completa clicca qui!
              Leave a reply